ANDREAS DEJA – Animation Legend

Andreas Deja fa la prima domanda per ottenere un lavoro come animatore Disney all’età di 10 anni. Nato in Polonia e cresciuto in Germania, ricorda di aver scritto allo studio subito dopo aver visto “Il libro della giungla”. “Non avevo mai visto un film Disney prima,” ricorda “E’ stata un’esperienza fondamentale perché non riuscivo a credere a quello che vedevo. Tutti quei disegni che si muovavano, pensavano e agivano in modo così reale.”
Lo Studio risponde a Deja spiegando che non è possibile al momento ma che sono sempre alla ricerca di nuovi talenti. Questo gli offre l’incoraggiamento di cui ha bisogno e la motivazione per lavorare duro per questo obiettivo. All’età di 20 anni, dopo aver completato i suoi studi, fa di nuovo la domanda e questa volta viene accettato.
Lavorando con Eric Larson, uno dei leggendari Nine Old Men Disney, Deja completa numerosi test e fa i suoi primi character design, ricerche di costumi e animazioni per“Taron e la Pentola Magica”.
Il suo successivo incarico è “Basil l’investigatopo”, dove anima la regina dei topi e la sua gemella robotico. Deja aiuta nel design di molti personaggi di “Oliver & Company”, e fa alcune animazioni prima di trascorrere un anno a Londra come lead animator di “Chi ha incastrato Roger Rabbit”, sotto la direzione di Richard Williams.

deja_studio
Andreas Deja on his desk © Andreas Deja 

Ne “La Sirenetta”, Deja cura l’animazione del Re Tritone, una figura potente che richiede competenze nel disegno e nell’acting. Per il musical d’animazione della Disneyvincitore dell’Oscar “La Bella e la Bestia”, è supervising animator per il primo dei suoi numerosi cattivi Disney, il pomposo e gretto Gaston.
Deja continua ad esplorare il suo lato più oscuro progettando e animando il malvagio visir Jafar per il musical d’animazione della Disney “Aladdin” (1992).
In seguito è supervising animator del cattivo assetato di potere Scar ne “Il Re Leone”, che non solo è uno dei film di maggior successo del Walt Disney Studios, ma che rapidamente guadagna un posto come uno dei più grandi film del settore di tutti i tempi.
Per l’incarico successivo, Deja si trasferisce nella sede Disney di Parigi per supervisionare l’animazione di Topolino in “Runaway Brain”: primo nuovo cortometraggio Disney di Mickey Mouse dal 1953, candidato all’Oscar come miglior corto animato nel 1996.
In seguito torna a Burbank, dove assume l’incarico di portare alla vita e dare personalità all’eroe protagonista del 35° lungometraggio Disney, “Hercules”.
Si occupa poi del design e della supervisione all’animazione di Lilo, la bambina hawaiana affascinante e imprevedibile di “Lilo & Stitch”, il quale è considerato come uno dei film più divertenti e fantasiosi dello Studio. Deja contribusce all’animazione di diversi personaggi nel film in live action / musical d’animazione della Disney “Come d’incanto”, ed è uno dei supervising animators nel film che segna il ritorno sul grande schermo di Pippo nel cortometraggio “Come Hook Up Your Home Theatre”.
E’ supervising animator anche del film Disney in animazione tradizionale “La principessa e il ranocchio”, del 2009. Deja supervisiona l’animazione di Tigro per il nuovo film di Winnie the Pooh, uscito nel 2011. Nel 2007 è onorato con il premio Winsor McKay dall’ASIFA (International Film Animated Association).
Al momento Andreas Deja sta lavorando su personali cortometraggi animati indipendenti.

I commenti sono chiusi